About

La Storia della Gara

Vale la pena di capire come è nata e come si è sviluppata l’idea, sino ad arrivare a concretizzare l’evento. Ne parla Enrico Tessaro, a capo della struttura di Power Stage, che da due stagioni ha preso in mano – e con successo – il Rally a Schio.

L’idea è partita tre anni fa, al Rally 1000 Miglia, dove io correvo facendo da copilota a Christian Toscana su una Clio S1600. Eravamo a parlare con Patrick Rossi della PR2Sport, il quale buttò là una domanda: “Perché non provate ad organizzare una gara in Trentino?”. Domanda stuzzicante, anche . . . spiazzante, ma che presi come idea. Un’idea che nei giorni successivi non mi andava via dalla testa, e praticamente ci è rimasta per sempre. Ed anche al mio amico Christian la cosa rimase impressa, lui che è imprenditore alberghiero in Trentino. Tant’è che proprio lui iniziò a “sondare” il terreno, ottenendo riscontri estremamente positivi.

Io, intanto avevo preso la licenza di organizzatore per riproporre la gara di Schio e subito avviammo una serie di incontri con le Amministrazioni del territorio e con le ripetute visite in quei luoghi magici delle dolomiti insieme a mia moglie Lisa, vero pilastro di Power Stage, è stato amore vero per quei luoghi. Ci siamo detti che si doveva davvero provare a concretizzare un rally lì, dove tutto ha un sapore davvero speciale”.

Tanto fermento, tanta voglia di fare, mossi dalla passione. Che obiettivi vi sono per questa gara? “Intanto partiamo con questa prima edizione, con cautela, lavorando bene a braccetto con il territorio, per proporre una competizione che piaccia a chi corre, agli addetti ai lavori, agli appassionati, ma soprattutto vogliamo che venga accettata dai luoghi che andiamo a trovare. Vorremmo portarlo, questo rally, ad essere un appuntamento fisso, un “must” come lo sono le dolomiti sotto l’aspetto turistico, pensiamo magari di puntare alla Coppa di Zona. Ripeto, vediamo come va questa prima edizione, che risposta avrà da tutti, poi chissà . . .”

Il territorio che risposta ha dato al progetto? “Abbiamo fatto diversi incontri. All’inizio, un po’ tutti, pur dichiarando che sarebbe stata una bella idea, soprattutto per la mole di persone che avrebbe portato sui luoghi, con benefici di immagine ed economici per il comparto turistico-ricettivo, ci parvero perplessi, per non dire . . .“diffidenti”. Se non altro perché non sapevano nulla di rally. Poi, lo scorso anno abbiamo coinvolti diversi amministratori portandoli a fargli vedere un rally, nello specifico al “Valpolicella”, illustrandogli tutto quello che c’è dietro ad una gara, la logistica, il piano di sicurezza, il piano sanitario, la direzione gara, portandoli poi anche in prova speciale. Gli facemmo vedere come “gira” un rally. Il risultato è stato che si sono entusiasmati, colpiti favorevolmente di come vengono gestiti eventi come i nostri. Entusiasti anche gli operatori del turismo, cui portiamo gente in un periodo destagionalizzato, tant’è che già in questi giorni abbiamo segnalazioni che alcune strutture hanno già diverse prenotazioni”.

CUORE PULSANTE AD ANDALO

Cuore pulsante dell’evento sarà Andalo, un luogo a forte vocazione turistica, che certamente non mancherà di accogliere il rally ed il suo seguito come nella sua migliore tradizione, mentre sotto l’aspetto puramente tecnico-sportivo l’organizzazione annuncia che sono previste in totale 6 prove Speciali, vale a dire 3 diverse da ripetere 2 volte, per un totale di 55 chilometri circa di distanza competitiva a fronte dell’intero percorso che ne misura 220. Le sfide si avvieranno, con due prove speciali al tardo pomeriggio di venerdì, per poi proseguire nell’intera giornata di sabato.

Il week-end sarà quello successivo alle festività pasquali, l’evento permetterà di passare anche momenti di vacanza di alto profilo, approfittando delle belle giornate primaverili.

NASCE COSI’ IL 1° DOLOMITI BRENTA RALLY

L’organizzazione tiene ad evidenziare, che nel rispetto dell’ambiente e del suo importante equilibrio, l’intero percorso della competizione si svolge al di fuori del territorio del Parco Adamello-Brenta.